PREMESSA

Sunspire è la Trial introdotta in Elder Scrolls Online con l’espansione di Elsweyr. Ciò che segue è frutto dell’esperienza avuta dal Gruppo Core dell’Ordine di Shor e dal gruppo internazionale che abbiamo messo insieme (Order of Shor) durante il Public Test Server per completare questo contenuto. Di conseguenza è probabile che esistano tattiche diverse rispetto a quelle illustrate di seguito.

MECCANICHE DI BASE

Nella Trial affronterete 3 Boss diversi, ognuno dei quali presenta una propria Hard Mode.
I danni che si prendono in questa Trial sono esclusivamente magici ed elementari (Magic, Fire, Frost, Ice) e di conseguenza è sconsigliato il Vampirismo oltre lo Stage 2.
Le Boss Fight richiedono coordinazione da parte di tutto il gruppo e soprattutto richiedono che questo stia sempre unito, quindi l’utilizzo di Set come War Machine e Master Architect è consigliato.
Le Fight sono tendenzialmente statiche quindi anche Set come Siroria ed Olorime sono sicuramente molto utili.
Tutti e tre i Draghi hanno una Skill in comune: il Fire Breath sul Main Tank. Dopo aver alzato la testa e il busto in generale sputeranno una fortissima fiammata sul Tank che avrà bisogno delle cure di entrambi gli Healer per sopravvivere, è importante che questi richiami l’attenzione dei propri curatori poco prima l’inizio della fiammata altrimenti non sopravviverà facilmente. Il lanciafiamme colpirà tutta l’area alle spalle del Main Tank quindi assicuratevi di non trovarvi in quella posizione altrimenti finirete carbonizzati.

COMPOSIZIONE DEL GRUPPO

La composizione del gruppo è la classica con 2 tank, 2 healer e 8 damage dealer. Nella versione Veteran è possibile giocare sia Stamina che Magicka ma è bene avere almeno tre Damage Dealer Magicka.
Ricordate di portarvi almeno un Warden in Gruppo (Healer o Damage Dealer) per poter sfruttare la passiva che vi aumenta del 10% la Max Health quando venite curati da lui.

MOB E ABILITA’

[WORK IN PROGRESS]

 

BOSS LATO DESTRO: YOLNAHKRIIN (Elder Fire Dragon)

Dei tre è certamente il Fight più semplice da affrontare.
Il positioning e la coordinazione qui sono molto importanti, è fondamentale infatti che il Tank giri il Drago verso destra e che il gruppo sia tutto raggruppato sul lato sinistro.
Attenzione però a non posizionarsi troppo a destra o troppo a sinistra del Drago altrimenti questi vi colpirà con le sue ali sbalzandovi e probabilmente uccidendovi.

Le meccaniche cui fare attenzione durante il Fight sono fondamentalmente due:
1) Eruzione di fuoco: la versione potenziata del Roaring Flame di Cloudrest. E’ il motivo per il quale per tutto il Fight bisogna stare tutti raggruppati nello stesso punto. E’ preceduto da un’area rossa che appare casualmente sotto ad un personaggio e consiste in una serie di danni da esplosione intorno a questo Player il cui ammontare dipende dal numero di Player presenti all’interno dell’area stessa: maggiore sarà il numero di Players, minore sarà il danno su ciascuno.

2) Fire & Iron Athronacs: col passare del tempo verranno evocate ondate di nemici composte da 2 Fire Athronacs ed un Iron Athronac. Queste devono essere aggrate e portate sul perimetro esterno dell’arena dall’off-tank che, curato appositamente da uno dei due Healers, le terrà ferme in quella posizione finché il Boss non andrà in fase.
Le Fire Athronacs, alla loro morte, faranno uscire dal terreno una pozza di lava, esattamente come quella di Bloodroot Forge, che andrà via ogni volta che il Boss andrà in fase.

Come appena anticipato, Yolnahkriin al 75%, 50% e 25% di vita andrà in fase, prendendo il volo per posizionarsi esattamente al di sopra dell’arena per darle fuoco.
L’unico punto in cui sarete salvi sarà il perimetro esterno dove nel frattempo vi sarete spostati per uccidere gli Athronacs. Questi, una volta colpiti dalla cascata di fuoco del Drago, saranno estremamente indeboliti e moriranno velocemente sotto ai vostri colpi.

Fondamentalmente quindi il Fight consiste nel concentrare tutto il DPS possibile per poter portare il Drago al 75%, 50% e 25% il più velocemente possibile per poi liberarsi delle Add quando queste vengono indebolite.

E’ necessario quindi avere abbastanza DPS per rendere più corto possibile il fight altrimenti vi ritroverete pieni di Athronacs e l’Off-Tank non reggerà.

BOSS LATO SINISTRO: LOKKESTIIZ (Elder Storm Dragon)

Lokkestiiz è certamente una sfida più impegnativa rispetto a Yolnahkriin ma una volta acquisite le meccaniche e con un po’ di pratica risulterà estremamente facile da affrontare.

Anche qui ci posizioneremo con il Tank da una parte e il gruppo dall’altra perché anche Lokkestiiz ha il Fire (Ice) Breath che farà danno alle spalle del tank.

Anche questo Drago presenta due meccaniche principali:
1) Ice Prison: richiama molto una delle meccaniche del Boss finale di Scalecaller Peak. In questo caso bisogna raggiungere un’area rossa posizionata ogni 15-20 secondi sul bordo esterno dell’area di combattimento al fine di evitare una grossa esplosione di ghiaccio che ucciderebbe tutto il gruppo. Una volta raggiunto, il player sarà ibernato perdendo l’80% della propria salute e avendo un grosso debuff all’Incoming Healing. Se questi non sarà curato velocemente fino al 100% della propria salute, dopo pochi secondi, esploderà facendo un grosso danno su tutto il gruppo.
L’Ice Prison non può essere presa dalla stessa persona perché applica un debuff che dura 1 minuto che la ucciderebbe nel caso in cui dovesse prenderla mentre questo è attivo su di lei.

 

2) Storm & Frost Athronacs: anche questo Drago sarà aiutato da degli Athronac che questa volta invece non potranno essere ignorati. Lo Storm Athronac avrà solo 1 milione di Health mentre il Frost ne avrà circa 9 milioni. Una volta presenti sul campo di battaglia, l’Off-Tank dovrà portare i Frost Athronac sugli Storm Athronac e il gruppo dovrà uccidere solo questi ultimi (gli Storm, appunto) perché, una volta morti, evocheranno un’Area che toglierà il 50% di vita ai Frost Athronac.
Ci saranno due Storm Athronac per ogni Frost Athronac quindi bisogna portare ogni Frost Athronac velocemente da uno Storm all’altro.

Anche in questo caso il Boss andrà in fase ma a percentuali diverse: 80%, 50% e 20% di vita.
Mentre il Boss è in volo, oltre ad evocare gli Athronac, farà due cose:
1) Lightning Field: un corridoio elettrificato che vi farà un grosso danno se ve ne state fermi all’interno, è possibile dodgiare attraverso;

2) Ice Breath: un grosso Ice Breath su tutta l’arena che dovrà essere bloccato o dodgiato per evitare di essere oneshottati;

BOSS FINALE: NAHVIINTAAS (Ancient Fire Dragon)

Dei tre sicuramente il più forte e complesso ma, una volta fatte proprie le meccaniche, non rappresenterà una grossa sfida.

Le fasi del combattimento sono varie e avvengono nel seguente ordine:
1) Fight con i Mob;
2) Esplosione di fuoco;
3) Fight con il Boss finché non va in Fase (al 75%, 50% e 25%);
4) Repeat;

Fight con i Mob

Sia all’inizio che dopo ogni volta che il Drago andrà in fase dovremo affrontare ondate di Mob che rappresentano la vera sfida di questa Boss Fight.
In particolare, sarà particolarmente difficile perché nelle fasi del 50% e del 25% dovremo affrontare una doppia ondata.
Il modo migliore per farlo è far portare dai tank i Mob Melee prima sul Mago che appare più a sinistre e, una volta morto questo, sul Mago apparso più a destra.
Noi abbiamo trovato comodo usare una ultimate ultimate Colossus del Necromancer sul primo stack, insieme ad una Nova di un Templar e un altro Colossus e un’altra Nova sul secondo stack.

Esplosioni di Fuoco

Dopo aver ucciso i Mob e prima che il Drago atterri, ci saranno tre esplosioni di fuoco consecutive che, con l’ultimo Hit, potranno uccidere in un sol colpo chiunque. Per potersi riparare da questi devastanti attacchi, sono presenti nel campo di battaglia 4 statue dietro le quali è possibile sopravviere. Ogni volta che il Drago tornerà a terra, ne distruggerà una.

N.B. Non è possibile stare tutti dietro alla stessa statua: il numero di player che possono ripararsi dietro ad una statua dipende dal numero di statue presenti sul campo di battaglia:
– quando sono presenti 4 statue, il numero massimo di player che possono stare dietro ad ognuna di esse è 3;
– quando sono presenti 3 statue, il numero massimo è 4;
– quando le statue sono 2: bisognerà essere 6 per ogni statua;
– quanto ci sarà l’ultima statua, è possibile stare tutti dietro la stessa;

Fight con Nahviintaas

La Boss Fight per il gruppo non è particolarmente complessa ma presenta varie meccaniche.
La prima cosa che si farà di diverso rispetto agli altri Boss Fight è il Positioning: in questo caso un Tank si posizionerà a destra, un Tank a sinistra e il Gruppo esattamente di fronte al Drago.
Questo perché Nahviintass, ogni tot secondi, applica una Curse al Tank con l’aggro che gli azzera l’armatura e quando accade è necessario che l’altro tank prenda l’attenzione del Drago;

La seconda abilità che potrebbe dare fastidio, soprattutto agli healer, è il Time Stop, dal quale è molto semplice uscirne – ricordiamoci che stiamo affrontando i figli di Akatosh, Signore del Tempo 😉 –

Altra cosa cui il gruppo deve fare molta attenzione sono il Fire Breath su tutta l’area di gioco e il colpo di testa sul gruppo che, se non bloccati, uccideranno sul colpo. Potrete notare che sta per fare una di queste due abilità nel momento in cui rivolgerà il proprio sguardo sul Gruppo, in quel momento ricordate di bloccare velocemente!

La vera difficoltà presente durante lo scontro diretto col Drago, è quella dell’Eternal Servant, un miniboss che deve essere affrontato da tre Damage Dealers Ranged dotati di Self Heal, Scudi, Interrupt e Elemental Drain.
Noi al piano di sotto preferiamo mandare due Templar ed un Nightblade Magicka, ma qualsiasi combinazione con almeno un Templar dovrebbe funzionare.
Il Mini Boss è dotato di varie abilità:
1) Teleport: se non interrotto, il Miniboss si teletrasporterà nel piano in cui si trovano il Gruppo ed il Drago, divenendo invincibile, è praticamente un Wipe;
2) Light Attack: ogni light attack verrà fatto su uno dei tre player alla volta e dovrà essere bloccato, altrimenti si verrà sbalzati;
3) Call of Lightning: durante il Fight col Miniboss sarà presente costantemente un Call of Lightning sotto ognuno dei Damage Dealers, costringendoli a muoversi costantemente;
4) Impale: il Miniboss impalerà al suolo 2/3 dei nemici presenti: se sono in vita 3 Damage Dealers ne impalerà due, se ce ne sono 2, ne impalerà 1. E’ fondamentale liberare i propri compagni più velocemente possibile, basta andare sul proprio compagno ed utilizzare la Sinergy immediatamente disponibile;
5) Tornado: evocherà dei piccoli tornado targettabili che andranno uccisi il più velocemente possibile;

 

N.B. Per scendere al piano del Miniboss appariranno 3 portali: uno a destra, uno a sinistra ed uno di fronte al Drago, per utilizzarli sarà necessario utilizzare una Sinergy, finché tutti non saranno in posizione NON UTILIZZATELA altrimenti i portali si chiuderanno anche per gli altri.

CONCLUSIONI

Come detto precedentemente tutto questo è frutto dell’esperienza diretta che abbiamo avuto noi giocatori dell’Ordine di Shor nell’affrontare questa Trial, chiaramente è ancora una Trial nel Public Test Server e quindi, probabilmente, andrà incontro a modifiche di vario tipo, sarà nostra cura aggiornare il contenuto di questa guida di volta in volta fino alla versione definitiva.

Grazie per il grosso sostegno che ci dimostrate, #StayTuned

Autore: Arvendir
Pubblicato il:
Visualizzazioni 155

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Partners

Vai alla barra degli strumenti